BLSD Tipo A - ISASD

Vai ai contenuti

Menu principale:

CDF > Formazione IRC
 

Corso BLSD Tipo A

Obiettivi del corso

1) Sfruttare efficacemente i tempi di attesa del soccorso avanzato per ridurre i rischi di aggravamento dello stato clinico;

2) Prevenire, all'interno della comunità, il rischio di decesso legato ad eventi sanitari acuti gravi e improvvisi;

3) Favorire il miglioramento delle condizioni cliniche delle vittime di eventi sanitari critici.

Finalità del Corso

Acquisire la capacità di:

1) Valutare l'assenza dello stato di coscienza;
2) Ottenere la pervietà delle vie aeree con il sollevamento del mento;
3) Esplorare il cavo orale e asportare corpi estranei visibili;
4) Eseguire la posizione laterale di sicurezza;
5) Valutare la presenza di attività respiratoria;
6) Eseguire le tecniche di respirazione bocca-bocca e bocca-maschera;
7) Riconoscere i segni della presenza di circolo;
8) Ricercare il punto per eseguire il massaggio cardiaco esterno;
9) Eseguire la manovra di Heimlich e i colpi dorsali nel soggetto cosciente con ostruzione delle
vie aeree da corpo estraneo.

Durata del corso


Cinque ore.

Tempo dedicato alla teoria

45 minuti di lezione teorica.

Tempo dedicato alla pratica

Quattro ore con addestramento su manichino.

Altre informazioni utili


La valutazione finale avverrà attraverso la valutazione pratica tramite skill test. Al superamento del corso verrà rilasciato l' attestato di certificazione delle competenze acquisite.
La Normativa attuale - Il Decreto 18 marzo 2011 inerente "Determinazione dei criteri e delle modalità di diffusione dei defibrillatori automatici esterni di cui all'articolo 2, comma 46, della legge n. 191/2009 " pubblicato su G.U. 129 del 06/06/2011 recita: "La diffusione graduale ma capillare dei defibrillatori semiautomatici esterni deve avvenire mediante una distribuzione strategica in modo tale da costituire una rete di defibrillatori in grado di favorire la defibrillazione entro quattro/cinque minuti dall'arresto cardiaco, se necessario prima dell'intervento dei mezzi di soccorso sanitari. "nonché "l'opportunità di diffondere in modo capillare l'uso dei defibrillatori semiautomatici esterni sul territorio nazionale anche a personale non sanitario, opportunamente formato"... (omissis...)



 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu